Marocco
Introduzione
Aggiornamento
Bibliografia
Miniguida
Come arrivare
Progetti
Gallerie foto
Racconti di viaggio
Ricette
Atelier cucina
Schede di approfondimento
Dizionarietto
      
Progetto Ait Maghreb


scarica il pdf ( ) di questa pagina

Ente promotore: Djemme - Slow Travel

Tipo di intervento: turismo responsabile - ospitalità in famiglia


SERVIZI AI VIAGGIATORI



La parola berbera Ait significa famiglia, e viene usata come prefisso al nome della famiglia stessa (Ait Adnani significa famiglia Adnani, o Signori Adnani).

L’ospitalità in famiglia dei viaggiatori consente un più stretto contatto con la cultura e le abitudini locali: dormire, mangiare, chiacchierare con i membri della famiglia ospitante sono occasioni uniche di scambio tra il viaggiatore e la popolazione locale.


il viaggiatore..

avrà modo di conoscere lo stile di vita di una famiglia rurale marocchina, fornirà con il suo comportamento un’immagine positiva del turismo, e avrà modo di apprezzare tutto il calore dell’ospitalità dei maghrebini

la famiglia locale..

oltre ad avere un ritorno economico immediato, avrà modo di conoscere una cultura ed uno stile di vita differente dal proprio, allargando i propri orizzonti culturali; questo, nel lungo periodo, significa che quella famiglia potrebbe saper affrontare il fenomeno turismo con maggiore consapevolezza



Il progetto Ait Maghreb coinvolge al momento alcune famiglie del Medio Atlas, del Rif, della zona di Merzouga, della Valle della Draa, del passo del Tichka, della zona di Agadir, della zona di Essaouira e dell’Anti Atlas; le famiglie aderenti al progetto mettono a disposizione parte della loro casa per ospitare viaggiatori responsabili dietro pagamento di un compenso fissato. Tutte le informazioni pratiche sono riassunte nel seguito di questa pagina.



Il progetto
A chi è rivolto il servizio
Come accedere al servizio

Lista delle zone disponibili
Come aiutare
Contatti


scarica la brochure ( )


IL PROGETTO

Il progetto Ait Maghreb non è stato formalizzato secondo una forma giuridica prestabilita. Nasce nel 2005 da una chiacchierata tra Monica, operatore della Djemme, e Zakaria, guida del Medio Atlas, a proposito del servizio offerto dall’associazione francese Maroc chez l’habitant che per prima nel Medio Atlas ha coinvolto famiglie locali per l’ospitalità di viaggiatori europei. A differenza di Maroc chez l’habitant, Ait Maghreb non prevede un ‘costo del servizio’ e quindi il viaggiatore paga per il suo soggiorno una cifra pattuita alla famiglia che lo ha ospitato, senza che il denaro transiti attraverso la Djemme o attraverso le interfacce locali.

La struttura del progetto prevede un’interfaccia verso l’Europa, nella persona di Monica, con il compito di garantire sui viaggiatori che chiedono ospitalità, e più interfacce verso il Marocco, rappresentate da tutti coloro che, come Zakaria, si sono assunte l’impegno di garantire sulle famiglie ospitanti e di occuparsi della logistica in Marocco.

Il progetto ha un costo praticamente nullo, se si eccettuano alcune telefonate, il costo d’implementazione della presente pagina web, ed il costo di stampa delle brochure, tutti costi coperti dalla Djemme. Nessun compenso economico è previsto per gli operatori della Djemme e per le interfacce locali, che svolgono quindi la loro attività inerente a questo progetto in modo assolutamente volontario e gratuito.

Impatto del progetto
L’esperienza di questi primi tre anni di attività è stata molto positiva, con grande entusiasmo sia da parte dei viaggiatori (che si sono adattati ad uno stile di vita spesso lontano dal loro abituale in genere senza troppe difficoltà) sia da parte delle famiglie marocchine (che mostrano a tutti le foto dei precedenti gruppi che hanno ospitato!).
Si è anche osservato, però, che esiste effettivamente il rischio di mettere in competizione le famiglie di una stessa comunità, e di conseguenza, almeno nei villaggi dove questo rischio è concreto, gli organizzatori cercano sempre soluzioni eque per tutti; non è escluso che si arrivi alla creazione di cooperative o associazioni di famiglie in modo che gli introiti vengano distribuiti su tutta la struttura.



A CHI E’ RIVOLTO IL SERVIZIO

Il servizio di ospitalità in famiglia è rivolto a tutti i viaggiatori responsabili che desiderino soggiornare, durante il loro viaggio in Marocco, in una famiglia marocchina. E’ rivolto altresì a tutte le famiglie marocchine che desiderino ospitare viaggiatori europei.


COME ACCEDERE AL SERVIZIO

Se desideri viaggiare per conto tuo o con un piccolo gruppo di amici, scegli la località dove vorresti essere ospitato in famiglia e decidi le date (anche approssimative) del possibile soggiorno; comunica questi dati a Monica (monica@djemme.com) per email. Verrai poi contattato. Una volta che sarai messo a conoscenza del tipo di viaggio e delle caratteristiche della sistemazione, concorderai insieme alla Djemme l’opportunità di proseguire con la prenotazione. In caso positivo, sarai messo in contatto direttamente con l’operatore locale marocchino per i dettagli.

Sono previste le seguenti possibilità:


adultobimbo
mezza pensione
- comfort -
camere/saloni che possono ospitare fino a 6-8 persone, una o due toilette e docce, acqua calda correntecena, pernottamento e colazione nell’abitazione150DH
(circa 13.5€)
per persona al giorno
120DH
(circa 11€)
per persona al giorno
mezza pensione
- basic -
camere/saloni che possono ospitare fino a 6-8 persone, almeno una toilette disponibile, ma senza doccia e senza acqua correntecena, pernottamento e colazione nell’abitazione100DH
(circa 9€)
per persona al giorno
70DH
(circa 6€)
per persona al giorno
mezza pensione
- camping -
almeno una toilette disponibile, doccia non sempre disponibile, acqua corrente non sempre disponibilecena e colazione nell’abitazione, pernottamento in tenda propria in giardino100DH
(circa 9€)
per persona al giorno
70DH
(circa 6€)
per persona al giorno
pasto (*)un salone dove possono essere ospitate fino a 10 persone per condividere un pastopranzo o cena50DH
(circa 4.5€)
a persona
35DH
(circa 3€)
a persona
(*) a volte gli ingredienti per il pasto vengono acquistati dai viaggiatori

Le abitazioni delle famiglie ospitanti possono avere tutti i servizi e l’acqua (anche calda) corrente, oppure possono non disporre di acqua corrente (in questo caso c’è sempre un pozzo nei dintorni se non nella casa stessa, e le donne potranno fornirvi secchi e secchielli di acqua calda). In questo caso, soprattutto se il soggiorno è superiore ai due o tre giorni, è in genere possibile appoggiarsi ad un vicino hammam: la famiglia sarà lieta di mostrarvi dove si trova il più vicino, gli orari, e facilmente qualcuno vi accompagnerà. In generale vengono fornite le coperte ed i cuscini, ma non sempre le lenzuola; portarsi un sacco lenzuolo o un sacco a pelo è sempre consigliato.

La partecipazione al progetto come viaggiatore o come famiglia ospitante
è completamente gratuita; Ait Maghreb è da intendersi solamente come
strumento di promozione del turismo responsabile.

Si chiede tuttavia la compilazione del resoconto di viaggio, da inviare alla Djemme entro un tempo ragionevole dalla fine del soggiorno. La compilazione del resoconto è da considerarsi obbligatoria.



LISTA DELLE ZONE DISPONIBILI

Le famiglie attualmente coinvolte nel progetto Ait Maghreb risiedono principalmente in zone rurali:

Medio Atlas: Ain Leuh, Wiwane, Oum Rabia, Zawya d’Ifrane, Azrou, Ait Ali

Rif: dintorni di Ketama, dintorni di Chaouen

Merzouga: campo nomadi

Valle del Dades: Boumalne du Dades

Valle della Draa: Adgz, Tagounite

Tichka: Imouzzer

Anti Atlas: Taliouine, Tiouadou (dintorni di Tafraout)

regione di Agadir: Azazoul, Ait Melloul

regione di Essaouira: Sidi Boudarqa, Sidi Mbarak.

Per motivi di rispetto della privacy, non saranno pubblicati i nomi ed i riferimenti alle famiglie ospitanti; il contatto tra viaggiatore e famiglia ospitante, nella fase di prenotazione, avviene solo attraverso le interfacce italiana e marocchina.


COME AIUTARE

Da quanto esposto sopra, il progetto ha un costo di gestione praticamente nullo, e non necessita quindi di fondi.
Ma il successo di questa iniziativa sta soprattutto nella sua diffusione, a livello locale (ricerca di nuove famiglie che siano disposte ad ospitare viaggiatori) e a livello internazionale (ricerca di nuovi viaggiatori interessati a questa soluzione). Di conseguenza, il miglior modo di contribuire al successo del progetto è quello di farne una buona pubblicità!

Inoltre è indispensabile la compilazione del resoconto di fine soggiorno, che consentirà di migliorare costantemente il livello del servizio offerto.


CONTATTI

Medio Atlas:

Driss Amkkour

gsm +212 675 474653
fisso +212 535 569392
amkkour@gmail.com
safarauberge@gmail.com
sito web


Anti Atlas (Tafraout):

Mohamed Sahnoun Ouhammou

gsm +212 667 095376
m_sahnoun@hotmail.com


Agadir:

Abderrahim Hanou

gsm +212 662 425315


tutte le altre zone:

Monica Lobetti-Bodoni

gsm +212 672 642673
fisso +212 524 391657
monica@djemme.com
skypename djmonica
sito web


Ultimo aggiornamento: 2010-11-21

Torna alla lista dei progetti