Turchia
Introduzione
Aggiornamento
Bibliografia
Miniguida
Come arrivare
Progetti
Gallerie foto
Racconti di viaggio
Ricette
Schede di approfondimento
Dizionarietto
      
Cucina e ricette tradizionali - Turchia

La cucina turca è molto ricca e varia, con influenze greche, persiane, arabe e balcaniche.

La colazione è forse il pasto che colpisce di più per ricchezza, varietà e soprattutto abbondanza: pane, marmellate e miele, olive nere, uova sode, formaggi, pomodori e cetrioli.. il tutto innaffiato con tè o caffè turco, ed arricchito da salse (spesso a base di yogurt) o intingoli speziati, quando non piccanti!

Il çay (pronuncia ciai, tè nero) è la bevanda buona per qualsiasi pausa o incontro, durante tutta la giornata: il tè nero viene preparato nel samovar e si gusta in piccoli bicchierini dalla tradizionale forma svasata a tulipano.
Il turk kavesi (pronuncia turk cavesi, caffè turco), altra bevanda tradizionale, ma meno popolare, è invece consumato in minori quantità, anche perché richiede un vero e proprio rito non solo per la preparazione (va specificato prima quanto dolce), ma anche per la degustazione.

La risposta all’abbondante colazione si trova poi nella tipica cena a base di meze (antipasti), freddi e caldi, di verdure, pesce, formaggi e yogurt: l’unico rischio è esagerare e non arrivare poi al secondo piatto!

La verdura, sempre di produzione interna, è generalmente consumata fresca, o conservata fuori stagione, o ancora preparata in dolma (verdure ripiene): la regina è la melanzana!

La carne di manzo o montone si serve o come kofta (polpette) o kebap, la più popolare e con innumerevoli varianti, normalmente accompagnate dal pide (sfoglia di pane, anch’essa preparata in numerosi varianti).

Il pesce è molto popolare, sia ad Istanbul, grazie alla vicinanza con il ricco Mar Nero, sia sulla costa mediterranea; è fritto o grigliato, oppure preparato in antipasti freddi o caldi o al forno.

La bevanda serale, consumata in quantità quasi esagerate soprattutto in compagnia, è il raki, un distillato aromatizzato all’anice, che può essere preso come aperitivo o a fine pasto, ma che può essere semplicemente la bevanda con cui si accompagna la cena!

L’ayran, una sorta di yogurt leggermente salato, è invece la bevanda tipica per pranzare, soprattutto in estate.

Molto diffusi sono anche la birra ed il vino, entrambi di produzione locale.

La pasticceria turca è molto ricca, e gli ingredienti principali sono mandorle, miele, semi (sesamo, pistacchi), latte e yogurt. Si consuma da sola o insieme al tè o al caffè.


Se conosci una nuova ricetta e desideri sottoporla alla redazione della Djemme, clicca qui